DalAlTrattamentoCamereAdultiBimbiBambino  - Bambino 1Bambino 2Bambino 3

Collina

Percorsi culturali, storici, enogastronomici...nell'entroterra romagnolo troverete un insieme di tradizioni che vi faranno scoprire la vera natura del nostro territorio.

RiminiRimini è l'emblema e il luogo ideale del turismo diversificato. Rimini, antica e moderna, popolare e di cultura, spettacolare e artigianale. Immortalata da Federico Fellini, ha esportato la sua tradizione popolare in tutto il mondo.
San MarinoA 750 metri d'altezza, il più antico e piccolo Stato Sovrano del mondo che da secoli mantiene la sua libertà e indipendenza. A pochi minuti dalla spiaggia, siete già all'estero. Sul monte Titano svettano i profili delle sue tre torri sormontate a penna, (la Guaita, la Cesta e il Montale) simbolo della Serenissima.
RavennaRavenna, situata in prossimità di una magnifica pineta, è caratterizzata da uno straordinario complesso di basiliche, battisteri, mausolei. Lo splendore dei marmi preziosi e dei celebri mosaici Bizantini la rendono una delle città più ricche a livello culturale di tutta Italia. Un luogo ideale non solo per scoprire la storia italiana, ma anche per regalarsi una giornata di shopping tra i negozi.
Santarcangelo di RomagnaUna porta sul passato, un paese un po' speciale, una perla nella Valmarecchia "dei poeti", tappa d'obbligo la Rocca Malatestiana. Una città tutta da scoprire.
San LeoNel cuore della Valmarecchia c'è San Leo, capitale storica dei Montefeltro famosa per la Fortezza, la Pieve, il Duomo e il Conte "alchimista" Cagliostro, imprigionato nel Forte. Un luogo ideale anche per scoprire la tradizione enogastronomica della Romagna grazie al celebre mercatino.
VerucchioDomina in posizione strategica lo splendido panorama della Valmarecchia. Da vedere, oltre alla Rocca, la Collegiata dei Santi Martino e Francesco D'Assisi e il Museo Civico Archeologico.
UrbinoSinonimo di arte e cultura, la città marchigiana è facilmente raggiungibile.
GradaraClassico borgo antico, racchiuso da una lunga cinta muraria dove l'imponente castello completa il centro medievale. Proprio a Gradara, si sarebbe vissuta la tragedia d'amore di Paolo e Francesca, cantata da Dante nella Divina Commedia.